AUTOCRITICA

1. Non possiamo confidare molto in noi stessi perché ci fanno frequentemente difetto la grazia e la capacita di valutare. C’è in noi poca luce e questa, per negligenza, la perdiamo con facilita. Normalmente neppure consideriamo la portata della nostra cecità interiore. Molte volte ci comportiamo male e, quel che e peggio, troviamo scuse. A volte ci muove la passione e pensiamo che sia zelo. Rimproveriamo gli altri per lievi mancanze e non ci curiamo delle nostre che sono ben pin gravi. Prontamente sentiamo le sofferenze che ci causano gli altri e non ci importa di ciò che gli altri soffrono a causa nostra. Chi valuta rettamente i propri comportamenti non si mette a giudicare con rigore gli altri.

2. Chi coltiva la vita interiore pone la cura di se dinanzi a tutte le altre preoccupazioni e chi si occupa risolutamente di se con pin facilita smette di parlare degli altri. Non sarai mai una persona spirituale e devota se parli degli altri quando e di te che dovresti occuparti attentamente. Se ti curi di te e di Dio, le cose esteriori non ti toccheranno. Dove sei quando non sei presente a te stesso o a te stessa? E dopo aver fatto tutto ciò che dovevi fare cosa hai guadagnato se hai trascurato te? Se vuoi avere la pace e una vera tranquillità, dimentica, per un momento, ogni cosa e concentrati su di te.

3. Farai pertanto grandi progressi se ti distaccherai dalle preoccupazioni mondane, perché tale attaccamento rallenterà la tua vita. Solo Dio e tutto ciò che a Lui si riferisce è veramente grande, nobile, accettabile e gradito. Le soddisfazioni provenienti dalle creature sono relative. Chi ama Dio gli sottomette tutto. Soltanto Dio, l’eterno e immenso che tutto riempie, è la consolazione dello spirito e la vera gioia del cuore.

 

footprints of Jesus

Carmelitani Scalzi,
Via A. Canova 4.
20145 Milano
MI
3200652863 duruelo63@gmail.com
Powered by Webnode