COME ACCOGLIERE E INTEGRARE I PROPRI DESIDERI

1. Figlio/figlia, dì questo in tutte le cose: Signore, se è di tuo gradimento, così si faccia. Signore, se è per la tua gloria, che ciò avvenga nel tuo nome. Signore, se risponde al tuo disegno e la tal cosa è per me utile e vantaggiosa, allora mi sia concessa affinché con essa possa renderti onore e gloria, ma se sai che essa non sarebbe buona per me né utile per la mia salvezza, allora allontana da me tale aspirazione, perché non ogni aspirazione deriva dallo Spirito Santo, per quanto a me possa apparire buona e giusta. Non è facile discernere se questo o quel desiderio sia mosso da uno spirito buono o cattivo, o se sia frutto solo della propria volontà. Molti che all'inizio sembravano guidati dalla migliore delle intenzioni alla fine si sono sentiti ingannati.

2. Pertanto, qualunque cosa ti si presenti desiderabile, devi sempre volerla e chiederla a Dio con amore e con umiltà di cuore. In particolare, devi rivolgerti a me in tutto con sincero abbandono, dicendo: Tu sai, Signore, cosa è meglio per me; così si faccia secondo la tua volontà. Dammi ciò che vuoi, quanto e quando vuoi. Disponi di me come credi, come più ti piace e per maggior tua gloria. Mettimi dove vuoi e disponi di me liberamente in tutto, sono nel palmo della tua mano, gi-rami e rigirami secondo il tuo disegno. Eccomi qui al tuo ser-vizio, disponibile a tutto; poiché non voglio vivere per me ma per te. Voglia il cielo in maniera dignitosa e perfetta.

Preghiera Se faccio tutto correttamente, Dio lo completerà

3. Concedimi, amorevolissimo Gesù, che la tua grazia sia con me, in me operi e con me resti fino alla fine. Fa che io desideri e che voglia sempre ciò che ti risulta più accettabile e gradito. La tua volontà sia la mia volontà e la mia volontà accompagni sempre la tua e si conformi in tutto ad essa. Che io abbia il tuo stesso volere e disvolere, di modo che io non possa desiderare o non desiderare se non ciò che tu desideri o non desideri.

4. Fa che io ti preferisca a tutto ciò che c’è nel mondo. Affinché tu sia conosciuto e amato, accetto anche di essere disprezzato e dimenticato. Che il mio cuore riposi in te al di là di qualunque bene desiderabile. Tu, la vera pace del cuore; Tu, l’unico riposo; al di fuori di te, tutto è difficile e fonte di preoccupazione. In questa vera pace che sei tu, sommo ed eterno Bene, voglio dormire e riposare (Sal 4,9). Amen.

 

footprints of Jesus

Carmelitani Scalzi,
Via A. Canova 4.
20145 Milano
MI
3200652863 duruelo63@gmail.com
Powered by Webnode