GLI ESEMPI DEGLI ANTICHI MAESTRI SPIRITUALI

1. Contempla i meravigliosi esempi degli antichi maestri spirituali che hanno raggiunto la perfezione: vedrai allora che poco o nulla abbiamo fatto. Cos’è la nostra vita in confronto alla loro? Hanno servito il Signore nella fame e nella sete, nel freddo e nella nudità, nel lavoro e nelle fatiche, nelle veglie e nei digiuni, nelle preghiere e nelle lunghe meditazioni, nelle persecuzioni e nelle offese.

2. Tante e assai gravi avversità hanno sofferto gli apostoli, i martiri, i confessori, le vergini e tutti coloro che si sono posti alla sequela di Cristo. Vivevano nel mondo, ma il loro spirito era sempre rivolto all'eternità. Specialmente i Padri del de-serto, i primi monaci cristiani, vivevano in maniera profondamente austera. Sopportavano ogni genere di tentazioni; venivano tormentati dal nemico della vita. Ma divennero forti pregando Dio con fervore. Si sottoposero a grandi rinunce per amore di Dio. Perseguirono sempre con zelo e ardore la crescita spirituale. Fecero guerra a sé stessi per tenere sotto controllo le passioni. Cercarono sempre Dio con mente pura e intenzione retta. Lavoravano durante il giorno pregando mentalmente e passavano le notti in lunghe orazioni.

3. Impiegavano utilmente tutto il tempo disponibile; ogni ora passata in compagnia di Dio sembrava loro breve. Si dedicavano così profondamente alla meditazione che si dimenticavano di mangiare. Rinunciavano a ogni ricchezza, titolo e onore, ad amici e familiari, nulla riservando per sé. Prendevano l’indispensabile per vivere e rispondevano con sobrietà alle esigenze della natura. In tal modo erano poveri di beni materiali ma assai ricchi di beni spirituali, di virtù e grazia. Esteriormente mancava loro tutto; interiormente, però, possedevano tutto in termini di grazia e di consolazioni divine.

4. Agli occhi del mondo sembravano stravaganti, ma erano amici intimi di Dio. Non avevano grande considerazione di sé e il mondo li guardava con disprezzo, ma erano preziosi e cari agli occhi di Dio. Coltivavano una profonda umiltà, ascoltavano Dio in ogni cosa e vivevano un amore profondo e una grande pazienza; così ogni giorno progredivano spiritualmente ed erano più graditi a Dio. Essi ci sono stati dati da Dio come modelli di vita interiore; ci incoraggiano nel cammino spirituale più della moltitudine di maestri e dottori che vediamo in giro.

5. Oh, quanto fervore questi maestri spirituali mostravano nei primi tempi della vita monastica e quanta devozione nelle loro preghiere; quanta emulazione nelle virtù; quanto severa era allora la disciplina in vigore; che rispetto e attenzione nutrivano dinanzi alle parole di saggezza del superiore. Gli esempi che hanno lasciato testimoniano come cercassero la perfezione e la santità vincendo in una dura lotta le sollecita-zioni del mondo. Oggi, al contrario, si considera già grande chi non trasgredisce la regola della comunità e con pazienza sopporta il peso della vita quotidiana.

6. Oggi notiamo rilassatezza e indolenza nella vita religiosa, un rapido abbandono dell'originario fervore. Questa mollezza e questa negligenza ci deludono. Voglia il cielo che non si raffreddi in te la ricerca della virtù, di fronte a tanti meravigliosi esempi di perfezione.

 

footprints of Jesus

Carmelitani Scalzi,
Via A. Canova 4.
20145 Milano
MI
3200652863 duruelo63@gmail.com
Powered by Webnode