Il frutto

«Chi accoglie voi accoglie me e chi accoglie me accoglie colui che mi ha mandato. Chi accoglie un profeta in quanto profeta riceverà la ricompensa del profeta e chi accoglie un giusto in quanto giusto riceverà la ricompensa del giusto. E chi darà da bere anche un solo bicchiere d’acqua fresca a uno di questi piccoli, perché è mio discepolo, in verità vi dico, non perderà la sua ricompensa» (Mt. 10,40-42).

I portatori della Parola di Gesù ricevono un’ultima promessa per la loro opera. Sono divenuti collaboratori di Dio e suoi aiutanti, saranno uguali a Cristo in tutto, perciò devono essere «come Cristo» anche per gli uomini dai quali vanno. Con loro Gesù Cristo stesso entra nella casa che li accoglie. Essi portano la sua presenza. Essi portano agli uomini il dono più prezioso, Gesù Cristo, e con lui Dio Padre, e questo vuoI dire perdono, salvezza, vita, beatitudine. Questo è la ricompensa ed il frutto del loro lavoro e della loro sofferenza. Ogni servizio reso a loro è servizio reso a Gesù Cristo stesso. È allo stesso tempo grazia per la comunità e per i messaggeri stessi. La comunità farà tanto più volentieri del bene ai messi, li onorerà e li servirà, poiché con loro il Signore stesso è entrato da loro. Ma i discepoli sanno che la loro entrata in una casa non resta vana o senza senso; essi portano un dono incomparabile. C’è una legge nel regno di Dio, che ognuno diviene partecipe del dono che accetta prontamente come dono di Dio. Chi riceve il profeta sapendo quello che fa, costui parteciperà alla sua causa, al suo dono e alla sua ricompensa. Chi riceve un giusto riceverà la ricompensa di un giusto, perché ha partecipato alla sua giustizia. Ma chi offre a uno di questi minimi, di questi miserabili, che non hanno diritto ad alcun titolo d’onore, di questi messaggeri di Gesù Cristo, anche solo un bicchiere d’acqua, quello ha servito Gesù Cristo stesso, e gli sarà data la ricompensa di Gesù Cristo.

Così l’ultimo pensiero dei messaggeri non viene rivolto alla loro propria via, alla loro sofferenza e alla loro ricompensa, ma alla meta del loro lavoro, alla salvezza della comunità.

 

footprints of Jesus

Carmelitani Scalzi,
Via A. Canova 4.
20145 Milano
MI
3200652863 duruelo63@gmail.com
Powered by Webnode