L’INTIMA COMUNIONE DI CRISTO CON IL SUO FEDELE DISCEPOLO

1. «Ascolterò che cosa dice Dio, il Signore» (Sal 84, 9). Felice chi sente dentro di sé la voce del Signore e riceve parole di conforto! Beate le orecchie che colgono il divino sussurro senza lasciarsi turbare dalle suggestioni del mondo esteriore. Beate, sì, le orecchie che non si lasciano catturare dalle voci che risuonano dal di fuori ma prestano attenzione alla Verità che ammaestra dal di dentro. Beati gli occhi che sono aperti non solo sulle cose esteriori ma soprattutto su quelle interiori! Beati coloro che penetrano in profondità nel mondo interiore e si impegnano, attraverso continui esercizi di preghiera e di meditazione, a comprendere in misura sempre maggiore i mi-steri divini! Beati coloro che si affidano con gioia a Dio al di là degli impegni del mondo.

2. Prendi sul serio tutto ciò, anima mia, e vigila alle porte dei sensi affinché tu possa lasciar entrare le parole che il Signore Dio tuo vuole interiormente comunicarti. Ecco ciò che ti dice il tuo Beneamato: «Io sono la tua salvezza» (Sal 34, 3), la tua pace e la tua vita; resta con me e troverai la pace; dimentica, per un momento, tutte le cose transitorie, pur senza disprezzarle, e vai alla ricerca di quelle eterne. In tutto ciò che è mondano non è assente l’inganno e la seduzione; a che ti servono tutte le creature se il Creatore ti abbandona? Per questo, non lasciarti illudere ma affidati docilmente e fedelmente al tuo Creatore per raggiungere la vera felicità.

 

footprints of Jesus

Carmelitani Scalzi,
Via A. Canova 4.
20145 Milano
MI
3200652863 duruelo63@gmail.com
Powered by Webnode