L’INTIMA FAMILIARITÀ CON GESÙ

1. Quando Gesù è presente, tutto è lieve e nulla sembra difficile; invece, quando non c'è, tutto diventa penoso. Quando Gesù non parla al cuore, non c’è soddisfazione che valga; ma basta che Gesù dica anche solo una parola e subito proviamo sollievo. Non si è forse risollevata subito Maria Maddalena dal luogo in cui stava piangendo quando Maria le ha detto: Il Maestro è qui e ti chiama (Gv 11, 28)? Benedetto sarà il momento in cui Gesù ti richiamerà dal pianto alla gioia dello spirito! Senza Gesù, il tuo animo è arido e duro. Quale segno di stoltezza e di vacuità sarebbe porre qualcos’altro al posto di Gesù! Sarebbe peggio che perdere il mondo intero.

2. Cos’è che può darti il mondo di definitivo senza Gesù? Stare senza Gesù è come stare all’inferno; stare con Gesù è come stare in cielo. Se Gesù stesse con te, nessun nemico potrebbe danneggiarti. Chi trova Gesù, trova un tesoro prezioso, o, meglio, il bene superiore a ogni bene; chi perde Gesù, perde più che se perdesse tutto il mondo. Misero è chi vive senza Gesù, pieno di ricchezze è chi sta con Lui.

3. Grande capacità è quella di sapersi intrattenere con Gesù e grande prudenza è quella di mantenerlo con sé. Sii umile e mite e Gesù sarà con te; sii fedele e in pace e Gesù rimarrà con te. Lo manderai via subito perdendo la sua grazia, se collocherai altre cose al suo posto; se lo allontani o lo perdi, dove andrai e di chi cercherai l'amicizia? Senza un amico non puoi vivere e, se non sarà Gesù il tuo grande amico, sentirai tristezza e frustrazione. Ti comporti stoltamente, pertanto, se confidi e cerchi soddisfazione solo negli altri lasciando da parte Gesù. È meglio avere tutto il mondo contro che offendere Gesù. Ama dunque Gesù in maniera speciale e al di sopra di tutti i tuoi amici.

4. Bisogna essere liberi e puri nel profondo di sé stessi senza aggrapparsi eccessivamente ad alcuna creatura. È necessario coltivare un grande distacco per offrire a Dio un cuore puro e così sperimentare la pace e sentire quanto soave sia il Signore. In effetti, non raggiungerai mai questa pace se non ti preparerai e non ti lascerai attrarre dalla grazia. Solo attraverso un profondo distacco raggiungerai l’unione con Lui. Di tutto è capace chi è assistito dalla grazia di Dio; ma, quando viene meno, subito diventa povero e vulnerabile, in certo modo abbandonato a sé stesso. Anche così non devi scoraggiarti né disperare; piuttosto, affidati interamente alla volontà di Dio e sopporta tutto ciò che ti accade, in lode di Gesù, perché all’inverno segue l’estate, dopo la notte ritorna il giorno e alla tempesta subentra il cielo sereno.

 

footprints of Jesus

Carmelitani Scalzi,
Via A. Canova 4.
20145 Milano
MI
3200652863 duruelo63@gmail.com
Powered by Webnode