LA LETTURA DELLE SACRE SCRITTURE

1. Nelle Sacre Scritture dobbiamo cercare la verità, non l’eloquenza. Ogni libro sacro deve essere letto nello stesso spirito con cui è stato scritto. Nelle Scritture dobbiamo perseguire ciò che è edificante piuttosto che la sottigliezza del linguaggio. Dobbiamo trovare soddisfazione tanto nella lettura di semplici opere di devozione quanto in quella di libri complessi e profondi. Non badare all’autorità dell’autore e alle sue doti letterarie; cerca invece con amore la verità pura contenuta nei libri. Non cercare di sapere chi lo ha detto, ma considera cosa viene detto.

2. Noi umani passiamo, ma «la verità del Signore resta per sempre» (Sal 116, 2). Senza far distinzione di persone, Dio ci parla in molti modi. La nostra curiosità, non di rado, pregiudica la nostra lettura dei testi sacri, perché vogliamo comprendere e discutere ciò che dovrebbe essere preso semplicemente così come è scritto. Se vuoi trarne giovamento, leggi i testi con umiltà, semplicità e fede, senza dare importanza al nome dell’autore. Fa di buon grado domande e ascolta in silenzio le parole dei santi e delle sante; non smettere di ascoltare le opinioni delle persone anziane perché esse non parlano senza ragione.

 

footprints of Jesus

Carmelitani Scalzi,
Via A. Canova 4.
20145 Milano
MI
3200652863 duruelo63@gmail.com
Powered by Webnode