Tenete ciò che è buono.

«Vagliate ogni cosa e tenete ciò che è buono» (1Ts 5, 21); lasciate tutto ciò che impedisce che migliori. I semi sono gettati ovunque e possiamo riconoscerli. Preghiamo Dio che liberi il terreno da ciò che impedisce loro di dare frutto. Noi siamo «avari e … lenti nel darci a Dio che non ci determiniamo mai a metterci nelle disposizioni per riceverLo» (Teresa di Gesù, Vita 11, 1). Il nostro è «un terreno molto ingrato, nel quale non germogliano che erbe cattive. Sradicare le erbe cattive e piantarne di buone è lavoro di Dio». Noi iniziamo a determinarci a seguito dell’azione della Grazia, del lavoro di Dio che sradica le erbe cattive e ne pianta di buone.  E lascia a terra le sue impronte mentre lo fa. 

La domanda è allora…. Quali erbe cattive sta sradicando Dio dal mio orto, e quali buone sta piantando? Sta già facendo un buon lavoro, ad ogni ricominciamento.... 

Nel bisogno. Nel dolore
Tu fai il vino nuovo
Nella terra del mio cuore
Tu apri nuove strade
Io mi arrendo Tra le braccia Tue Gesù
E anche se non capirò Mi fiderò
Fai di me Ciò che Tu vuoi
Rendimi come Un′offerta per te
Non avendo nulla Se non ciò che hai dato a me
Un vino nuovo scorre in me

Nel vino nuovo C′è la potenza
E liberazione Il Tuo Regno è qui
Arrendo il mio fuoco Per prendere il Tuo in me
Nel vino nuovo C′è la potenza
E liberazione Il Tuo Regno è qui
Arrendo il mio fuoco Per prendere il Tuo in me

footprints of Jesus

Carmelitani Scalzi,
Via A. Canova 4.
20145 Milano
MI
379 174 4166 duruelo63@gmail.com
Powered by Webnode